Duo formato da Ulisse e Moreno, chitarra e voce più batteria, ventenni di Mortegliano. Ulisse e i Ciclopi si sono meritatamente aggiudicati l’edizione 2011, grazie alla capacità di sprigionare temporali sonori rileggendo con sfrontatezza la parte più selvaggia di rock, punk, garage, psichedelica, hard e sporco blues elettrico. Insomma, il passato che non passa e che a ogni generazione trae linfa vitale da giovani che vivono la precarietà, la mancanza di futuro, il deserto sociale e urlano la loro voglia di cambiare, di libertà e di rivolta con il rock’n’roll. Par furlan in questo caso, complice in un paio di testi la madre di Ulisse, la poetessa e performer Lussia di Uanis, che presta anche la sua voce assieme a qualche altro ospite.

Pauli Cantarut

articolo su La Patrie dal Friûl>>

Pubblicato su “La Patrie dal Friûl” numero di ottobre 2012

Nell’agosto 2012 è uscito il loro primo disco omonimo: Ulisse e i Ciclopi con l’etichetta Musiche Furlane Fuarte

libar


Ulisse e i Ciclopi – Inner feeling – Tu podis

LIBAR 23/07/2009

Soi un essar libar
I am free
ma ai paura di là atôr bessôl
Soi un essar libar
I am free
ma ài paura di spielami tai vôi
Soi un essar libar
I am free
ma stoi sigur sôl dentri un cunfin
Soi un essar libar
I am free
ài clostris su la puarta
Soi un essar libar
I am free
la strada sôl  che asfaltada
Soi un essar libar
I am free
bessôl
Soi un essar libar
I’ am free
dopo di me il diluvi
Soi un essar libar
Libar libar libar

testi lussiadiuanis
[nggallery id=9]
RIVOLUSION

Ogni gesto che fai
rimanda i suoi echi nell’infinito
no basta fa fenta di nuia
no basta plui
no basta sintisi massa pissui par capî
bisugna provâ a smascherâ la finsion
la fiction!

ogni gesto, ogni parola, ogni gesto
rivolusion

Non può bastare se è il presente
ed il futuro dei tuoi figli che fottono.
No basta plui fa fenta di nuia, che va dut ben,
ben no và, no và, no va ben!
Nus àn robât il timp,
nus àn robât la tiara, lis tradisiôns,
la veretât, i cjants, nus àn robât i dirits,
no basta resisti, gji ûl la rivolusion,
no sìn indians, no  africans, no afghans,
no sìn che europeans
ma come ducj  umans
ma vonde cun chiste pulitiche globâl
che incula il sociâl
che plata la realtât
in tetis cûi e sanc a bon marcjât

ogni gesto ogni parola ogni gesto

resistere non basta  ma  la rivoluzione
RIVOLUSION

Ogni volta che taci
quando pensi di aver ragione
ogni volta che non sai
e non puoi difenderti
da quel pugno
di commercianti di schiavi
che decidono  i loro guadagni,
sulle nostre vite,
mascherati da governanti
ogni volta
perdiamo qualcosa tutti
tutti.

NON BASTA RESISTERE ma
RIVOLUSION

penso alla rivoluzione
la rivoluzione,rivoluzione,
voluzione,zione,one,ne
penso che nessuna rivoluzione cruenta abbia portato qualcosa se non rafforzare questo mondo di dolore, penso che la rivoluzione è in noi nel nostro coraggio di vivere
accettare la vita con amore,
senza paura
penso che la rivoluzione è dentro di noi

sedicisettembreduemilanovelussiadiuanis

Pin It on Pinterest