Questa poesia dedicata ai fiori di maggio é diventata un libro d’arte per Libri_diversi a Portogruaro nel 2011 guarda il video della manifestazione.

03/05/2011

Mai / maggio

Avuè nassi  intuna rosa
intal so profum dens
dentri intal so cûr rôs e pens
di rais zâi di soreli

Avuè soi soâvis agassis
che nulissin  nuvissis,
di raps di flôrs
di stressis di odôrs.

Avuè soi tei ch’al dansa
cui ricîns blancs
e al implena il mont di se
striament di Salomè.

Soi sui trois dal cjamp
saût, blanc
a macs e cisis e buchets
dal gnô voli benedets

Maggio

Oggi nasco nella rosa
nel suo denso profumo
nel suo cuore rosso e intenso
di raggi gialli di sole

Oggi sono soavi acacie
che profumano spose
di grappoli di fiori
di treccie di odori.

Oggi sono tiglio che danza
con orecchini bianchi
e riempie il mondo di se
malia di Salomè.

Sono sui sentieri del campo
sambuco bianco
a mazzi e siepi e bouquet
dal mio occhio benedetti.

Lussia di Uanis

info video

Videocatalogo della terza edizione di libri di_versi. Mostra di libri oggetto nati dalla collaborazione tra artisti visivi e poeti. La mostra si è tenuta nel luglio 2011 presso la Galleria Comunale di Arte Contemporanea “Ai Molini” di Portogruaro nell’ambito del festival notturni di_versi.

Pin It on Pinterest