Ascolta “L’upupa e la colomba”, dedicata alle giovani prostitute di colore e “Ruspiôs” registrati a Colugne Teatro Bon nel 2000 con il gruppo K’Ramar.

L’UPUPA E LA COLOMBA   2000

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Dimi colomba nera
cognossitu
l’upupa di chista tiara di bassa?

Cognossitu i ussei gnoturnos
ch’a si alsin atôr di te
che tu afondis i pîts ta l’arât
ta gnot di luna          nera?

Cognossitu biela colomba
al savôr di chista tiara
tu, che tu la muardis su la cjar
cui farâi che lusissin al sudôr?

Cognossitu chiscj  ussei
ch’a ti sirin di scuindon
e chisç ussei ti cognossino
colomba nera?

(dedicada a lis zovinis putanis da Napoleonica)

L’UPUPA E LA COLOMBA Dimmi colomba nera/ conosci tu/ l’upupa di questa terra di bassa?/ Conosci / gli uccelli notturni/ che si alzano attorno a te/ che affondi/ i piedi nell’arato/ nelle notti di luna    nera?/
Conosci bella colomba/ il sapore di questa terra/ tu, che la mordi nella carne/ con i fanali che brillano il sudore?/ Conosci questi uccelli/ che ti cercano di nascosto/ e questi uccelli ti conoscono/ colomba nera?

Lussia di Uanis

“Libri da viarta”

realizzato nella primavera del 1997, contiene poesie d’amore, fiori, foglie piume, petali di rose.

RUSPIÔS      1995 

Audio clip: é necessario Adobe Flash Player (versione 9 o superiore) per riprodurre questa traccia audio. Scarica qui l’ultima versione. Devi inoltre avere attivato il JavaScript nel tuo browser.

Al nestri jessi sfolmenâts
ruspiôs
voltâs in t’una siviltât
nò nestra.
Nô che vignin fûr
di gjambis muscolosis
di contadinis di aîr
nô avuè,
no orin
brusâ l’anima
cul vuestri aur
imbroion.
Brusarin orâr sul fûc!
Brusarin ulîf benedet!
Combatarin cun musichis e puisîs,
la fiacola passarâ fra lis mans,
no murarin,
fin che su la tiara,
la nestra
varin i pîts poiâs
e    nissun nus fasarâ sgambets
parsè che tant si jevin
di gnôf        e
vês un biel dì
sês inutii
nô sin tiara
che soravîf
sin al sglinghinâ da l’ajar
sin fogolârs impestâs
di miseria e cjalin.
Vin fàn
ma no
dal vuestri demoni.
Nô si frein
nô fasin rituai
dal nestri vivi.

Lussia di Uanis


SELVATICI   Il nostro essere folgorati, grezzi stravolti in una civilità non nostra. Noi che usciamo fuori/ da gambe muscolose/ di contadine di ieri/ noi oggi/ non vogliamo/ bruciare l’anima/ col vostro oro/ imbroglione/ Bruceremo alloro sul fuoco/ Bruceremo ulivo benedetto/ Combatteremo con musiche e poesie/ la fiaccola passerà tra le mani/ non moriremo/ finchè sulla terra/ la nostra/ avremo i piedi appoggiati/ e nessuno ci farà lo sgambetto/ perché, intanto ci rialzeremo e
avete un bel dire/ siete inutili/ noi siamo terra che sopravvive/ siamo il tintinnio dell’aria/ siamo focolari appestati/ di miseria e caliggine/ Abbiamo fame/ ma non del vostro demoni./ Noi ce ne freghiamo/ Noi facciamo rituali/ del nostro vivere.

Pin It on Pinterest