10 di maggio 2014, Giornata mondiale della Terra, di Madre Terra

Canto di Madre Terra

 

Sento dire

che il giorno è qui

fuori dalla nostra finestra

è ora di muoversi!

Sento dire

la terra è ammalata,

fermiamoci a pensare.

Sento dire….

e dico di sì

è così,

ma questa voce…

Tutto sembra lontano

dalla nostra finestra

dal nostro cortile

ma così non è.

Il tuo corpo madre, violentato

non lo rispettano i grandi, i piccoli

i governanti, i cittadini,

non lo rispettano neanche i contadini.

Sembra quello delle tue figlie

che si gonfiano di silicone

labbra e petto

uccidendo la loro santità

per essere pasto da divorare:

il tuo corpo Madre nel mio, nel nostro.

 

Apro gli occhi

sulla terra sfruttata

come i corpi delle donne,

ripulita fino all’ultimo granello

tirata a lucido senz’erbacce

senza sponde senza ritualità

senza lune e canti di prosperità.

Apro gli occhi

sui pioppi, come soldati in fila

e lacrime agli occhi

e muco per i figli tuoi,

nevica madre giù dai pioppi.

Apro gli occhi

sul granoturco Ogm

le sementi di proprietà dell’uomo

sui diserbanti

che uccidono la diversità.

Apro gli occhi

sulle api che muoiono negli alveari,

apro gli occhi

sui fiumi imbragati dal cemento

e le colture intensive

e l’acqua sparsa sui campi

da grandi mostruose idre

e i fiumi arsi dalla sete.

Apro gli occhi

sugli allevamenti intensivi

e i lager per le tue creature madre

e noi pieni di tumori.

Apro gli occhi

verso il cielo madre

e le rondini e i rondoni

e le scie chimiche.

Apro gli occhi madre

sui capannoni vuoti

gli stessi che hanno portato via la gente dalla terra

per il progresso e l’economia.

Apro gli occhi sui centri commerciali

e quelli che hanno anche il coraggio di chiamarsi Tiare/Terra

per trarci meglio in inganno

ti hanno presa Madre, ti hanno violata

soffocata dal cemento

e svuotato i tuoi paesi e

danno lavoro madre?

Solo false speranze.

Apro gli occhi madre

sugli umani sempre più feroci

sul loro oggi senza domani

sulla follia del guadagno

dell’uno sulla pelle dei molti

e l’etica, a fare inculo madre!

Apro gli occhi

su umani che risalgono il mare

verso nord,

scappando da terra che brucia sotto i piedi,

come formiche a cui brucia il nido.

Apro gli occhi

sulle multinazionali, le bandiere

le politiche, le religioni degli uomini

che foraggiano e mungono vite e guerre

a destra e a sinistra,

e noi qui, in una civiltà che muore

dalla pochezza dei suoi valori.

 

Respiro madre

respiro ad occhi aperti,

con i sensi,

con quello che resta

nella puzza dello scarico delle macchine,

nel sole di maggio,

e il silenzio della nostra lingua moribonda,

sempre più vecchia,

respiro

il tuo respiro perfetto

che è il respiro di un dio

femminile che continua a vivere

ma già sventrato scarnificato

fatto a pezzi

come terra suddivisa a tavolino

dalle bandiere.

Ma un giorno madre

ci alzeremo nel tuo unico nome?

Donne uomini

senza bandiere ed essere uniti

e figli/e

e fermeremo questa macelleria?

Ci alzeremo madre?

 

 

10 di Mai, zornada mondial da tiara, di mari tiara

 

O sinti dî

che a crica il dì

difȗr dal nestri barcon

jè ora di movissi

o sinti dî

la tiara jè malada

ferminsi a pensâ

o sinti dî

disi di sì

al è cussì

ma chista vôs….

 

Dut somea lontan

dal nestri barcon

dal nestri curtîl

ma nol è cussì

il to cuarp mari violentât

no lu rispetin i grancj, i pissui

i governants, i citadîns

no lu respetin nancja i contadîns.

Il to cuarp mari, il nestri cuarp.

Somea chel des tôs fiis

che si sglonfin di silicon

lavris e luvris

copant la lor santitât

par jessi past di divorâ

il to cuarp mari tal mê, tal nestri.

O viars i vôi

su la tiara sfrutada

come i cuarps des feminis,

tirade sù fin al ultim grignel

a lustri sensa arbatis

sensa rivâi sensa ritualitât

sensa lunis e cjants di prosperitât

o viars i vôi,

sui pôi come soldats ducj in fila

e lagrimis tai vôi

e sgnacai pai toi

nevea mari ju dai pôi

o viars i vôi

su lis blavis ogm

lis semensis di propietât dal omp

sui diserbants

che copin diviarsitâts

o viars i vôi

su lis âs che murin tai bôs

o viars i vôi

sui flums imbragâts dal siment

e lis colturis intensivis e

l’ aga spanduda sui cjamps

des grandis mostruosis idris

e i flums plêns di arsura

o viarsi i vôi

sui alevaments intensîfs

e i lagers pes tôs creaturis mari

e nô plens di tumôrs

o viars i vôi

banda il sîl mari

e i svirui e sisilis

e sciis chimichis

o viars i vôi mari

sui capanons vueits

i stes che an partat via la int da tiara

pal progres mari e l’economia

o viars i vôi sui centros comercjiai

e chei che ancja

a àn il coragjo di clamassi Tiare

par cjonus mior pal cul

ti àn cjolt il non e ti an violada

scjafoiada dal siment

e i pais simpri plui vueits

e dano lavor mari?

Domo speransis

O viars i vôi mari

sui umans simpri plui feros

sul lor avuè sensa doman

su la matetât dal guadagn

dal un su la piel di tancj

e la etica umana a fancûl mari

O viars i vôi

su umans che risalissin il mar

banda nort,

scjampant di tiara che brusa sot dai pîts,

come furmiis che i brusa il nît

o viars i vôi su

lis multinazionals, lis bandieris

lis pulitichis lis religjôns dai omps

che foragjin e monzin vitis e gueris

a dreta a sampa,

e no achì, intuna siviltat che mûr

da pocjessa dai soi valôrs.

O respiri mari

respiri cu vôi viarts,

cui sens,

cun se che al resta ta spussa di scaric di machinis

tal soreli di mai,

e al silensi da nestra lenga murînta

simpri plui vecja,

repiri

il to respîr grant perfet e al è chel di un diu

feminîl che al continua a vivi

ma zà svintrât scarnificât

fat a tocs

come tiara dividuda tai taulîns

da lis bandieris.

Ma un dì mari

si jevarino tal to unic nom?

Feminis omps

sensa bandieris

e jessi unîts e toi fiis

e fermarino la becjarîa?

Si jevarino mari?

 

Lussia di Uanis 2014

Pin It on Pinterest