04/20/2002

Dimi amì
dimi parsè
tu stâs simpri tal grin scûr da gnot.

Dimi parsè
tu paris jù pirulis cussì
dimi parsè amì
bevi fin che no tu sintis plui nuia.

Dimi amì, fàsi, distrusisi, lassasi murî
dimi parsè no tu ulis savê nuia di te
tu ulis taseti  TE.

E tu vâs vuarp tal vintri da balena
fanai distudâs e motôr a maneta
Viars i voi   i bràs
viarsiti           nàs
prova un gnôf vias.

Dimi amì
che la tô paura
no pol essi piês
di una “puntina” lada a mâl
da nêf di un trip         tal dì dopo.

Sercja un toc dal tô vias
muart al dolôr fin sul vues
coventa par jessi te stess.

Ascolta la poesia con il maestro Claudio Cojaniz al pianoforte

Dimmi amico

Dimmi perché
tu stai sempre nel grembo oscuro della notte

Dimmi perché
inghiotti pillole così
dimmi perché amico
bere finchè non senti più nulla.

Dimmi amico
farsi, distruggersi, lasciarsi morire
dimmi perché non vuoi sapere nulla di tè
vuoi tacere   TE

E vai cieco nel ventre della balena
fanali spenti e motore al massimo
Apri gli occhi   le braccia
apriti nasci
prova un nuovo viaggio

Dimmi amico
che la tua paura/ non può essere peggio
di una “puntina” avariata
della “neve” di un trip     il giorno dopo.

Assaggia un pezzo del tuo viaggio/ mordi il dolore fino all’osso
serve per essere se stessi.

Lussia di Uanis

Pin It on Pinterest